Piano Nazionale delle attività di Controllo sui Prodotti Chimici: risultati anno 2017

Il Ministero della Salute ha fornito un quadro nazionale sulle attività di controllo per la verifica di conformità dei prodotti chimici al Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) e al Regolamento (CE) n. 1272/2008 (CLP) effettuate nel 2017. Le attività di controllo sono state condotte da 17 Regioni ed 1 Provincia Autonoma, nonché da 4 Uffici di Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera e sono stati effettuati 1331 controlli su 480 imprese.

I controlli hanno riguardato sostanze, miscele e articoli ed hanno considerato la valutazione delle schede di dati di sicurezza (SDS) di sostanze e miscele. Sono state valutate le prove per la verifica della conformità agli obblighi di autorizzazione, di restrizione del Regolamento REACH, la ricerca di sostanze estremamente preoccupanti, la verifica della composizione di sostanze e miscele finalizzata al controllo della classificazione ed etichettatura secondo il Regolamento CLP, nonché la correttezza delle informazioni contenute nelle SDS.

Le violazioni accertate hanno riguardato principalmente le SDS, le restrizioni, la registrazione, il contenuto delle etichette, le notifiche della composizione delle miscele all’Archivio Preparati Pericolosi dell’ISS (utile per la risposta da parte dei Centri antiveleni ad eventuali emergenze sanitarie), gli obblighi di pubblicità per le miscele pericolose. Queste criticità rappresentano elementi che saranno maggiormente approfonditi nella pianificazione delle attività future di controllo.

Per maggiori chiarimenti, l’Autorità consiglia di consultare periodicamente il sito web dell’ECHA e di far uso degli Helpdesk centrali REACH5 e CLP6 e degli Sportelli informativi territoriali, nonché di avvalersi della possibilità di dialogare con le Autorità nell’ambito del Gruppo di lavoro “Confronto con le imprese” istituito dal Comitato tecnico di coordinamento per l’applicazione del Regolamento REACH.